IL COVID-19 METTE LE ALI ALLE VALUTAZIONI DELLE SOCIETA' DI DIAGNOSTICA. IL CASO QIAGEN SOTTO OPA DOVE SI ASPETTA UN RILANCIO

 Sul titolo Qiagen di cui abbiamo qualche settimana consigliato l'acquisto in alcuni portafoglio è in corsa un'offerta pubblica di acquisto fino al 27 luglio (le banche italiane potrebbero chiedere un termine di qualche giorno inferiore)

Abbiamo quindi alcune settimane di tempo per decidere e ricordiamo che il prezzo offerto è superiore a quello del titolo e prevede 39 euro per azione. 

Questa situazione è stata considerata come un paracadute interessante nel caso che il titolo scenda pur se questa offerta di acquisto è condizionata ad almeno il 75% di adesioni.

 E quindi piu' sotto data anche in base all'andamento del titolo e alle adesioni diremo se vale la pena aderire o meno anche se riteniamo al momento che i termini potrebbero essere poi riaperti visto che diversi azionisti importanti di questa società di gestione stanno premendo perchè il prezzo di offerta potrebbe essere ritoccato all'insù visto che l'andamento di questa società diagnostica sta andando molto bene per effetto del Covid-19 e meglio di quando fu elaborata l'offerta. Qiagen ricordiamo è fornitore di laboratorio tedesco delle biotecnologie e diagnostica (molecolare e non).

La società americana Thermo Fisher Scientific ora vuole rilevare la società tedesca per $ 11,5 miliardi, rafforzando così la sua posizione nel campo della diagnostica e dei prodotti per la ricerca biotecnologica. Il gruppo statunitense vuole pagare 39 euro per azione Qiagen.

 In vista del boom diagnostico di Covid-19 (simile in Italia a quello che è accaduto alle valutazioni di DIASORIN consigliata anche questa in diversi nostri portafogli), diversi importanti fondi azionisti di Qiagen stanno spingendo per un'offerta significativamente più elevata da parte del gruppo statunitense Thermo Fisher.

Lo sfondo di ciò è la forte domanda di test relativi alla pandemia, di cui Qiagen, in quanto uno dei principali fornitori di diagnostica molecolare, ne sta beneficiando come vendite. Alla luce di questo sviluppo, il prezzo di acquisizione offerto in precedenza di 39 euro per azione Qiagen viene giudicato troppo basso dal punto di vista di numerosi investitori e analisti. Ed essi ipotizzano un significativo miglioramento del gruppo statunitense.

Qiagen ha annunciato alla fine di giovedì sera che le vendite nel secondo trimestre sono aumentate dal 18 al 19 percento, significativamente più del 12 % precedentemente previsto. L'utile rettificato per azione dovrebbe quindi aumentare di due terzi nel secondo trimestre. All'inizio dell'anno, la società aveva annunciato solo un aumento delle vendite del 3-4%.

La crescita inaspettatamente forte dell'azienda è attribuita alla significativa domanda di soluzioni di test nel contesto della pandemia di Covid 19 . Qiagen beneficia non solo come fornitore dei propri test, ma anche come produttore di vari prodotti preliminari per altri fornitori di diagnostica. C'è ancora "una domanda senza precedenti per i prodotti di test del coronavirus", ha detto il comunicato.

La direzione di Qiagen sotto l'amministratore delegato Bernard Thierry aveva concordato con Thermo Fisher all'inizio di marzo di subentrare al prezzo di 39 euro per azione e in quel momento apparentemente aveva sottovalutato l'impennata della domanda dovuta alla pandemia di Covid 19.

Become a patron to

205
Unlock 205 exclusive posts
Listen anywhere
Connect via private message