#40 Il Web pericoloso: i numeri del cybercrimine
 
Oggi approfondiamo il tema del #cybercrimine, con numeri alla mano sul "business del secolo". 

Il 2017 è appena iniziato e la cybercecurity si conferma al centrale del nostro quotidiano digitale. Eppure gli avvocati tralasciano La sicurezza informatica perché non hanno la consapevolezza che le minacce virtuali hanno conseguenze reali. 

Infatti, le ultime ricerche evidenziano che i più colpiti sono proprio i professionisti, commercialisti, avvocati, l'anello debole del sistema, che sono facile preda di attacchi informatici. 

La #sicurezzainformatica non è percepita come un valore importante, fino al verificarsi dell'evento dannoso. Ossia quando ormai la situazione è compromessa. 

Ti sei chiesto come è iniziata la vicenda dei fratelli degli hacker romani #Occhionero che hanno tentato di minare la sicurezza nazionale tramite malware? Oppure lo sai che il più grande Ordine forense di Europa è stato oggetto di un "ricatto" digitale? Ascolta la puntata 

La memoria digitale ha grandi vantaggi e opportunità ma ha anche in sé molte criticità che possono arrestare l’evoluzione umana, se non si adottano le giuste misure di sicurezza informatica. 

Nella puntata ascolterai anche Marco Pennacchini con la sua pillola sul Mondo digitale. Ci parlerà di Cayla, bambola connessa e interattiva, che ascolta, spia e minaccia la #privacy, diventata in Germania. 

- - - 

=> @PCTfacile è su soundcloud (goo.gl/RbHY6y), su spreaker (goo.gl/18eclS) e su iTunes (goo.gl/Hd7zU0). Lascia una recensione per crescere insieme. 

=> Commenta la puntata o manda feedback su telegram (goo.gl/EzWNU5) o contattami via mail ([email protected]

=> Sostieni le puntate del podcast collegandoti alla pagina PayPal (paypal.me/fposati/5). Sarai menzionato nella puntata successiva. Finanzia in crowdfunding tramite Patreon (patreon.com/fposati). 

=> Vota il canale Telegram per farlo conoscere anche ad altri utenti qui tchannelsbot (goo.gl/mpHtfL) e su telegramitalia.it (goo.gl/4HPk7w

=> Ascolta il #Podcast e ricorda, viviamo il #futurodigitale