ANCHE I RICCHI PIANGONO E CAMBIAMO PROGRAMMI CAUSA CORONAVIRUS. MENO RISPARMI, PIU’ ANZIANITA’ LAVORATIVA, MINORI SPOSTAMENTI E FUGA DALLA CITTA’ PER STARE CON LA FAMIGLIA

 Meno viaggi. Meno trasferimenti casa-ufficio. Meno risparmi. Più anni di lavoro. E’ questa in sintesi la fotografia scattata dalla banca elvetica UBS  nell'ultimo Investor Watch  che ha indagato i nuovi stili di vita dei clienti facoltosi nei vari continenti.

Curiosa innanzitutto la classificazione di UBS dei benestanti per classi di età. La banca svizzera considera “facoltosi” i risparmiatori di 25-30 anni con almeno 250.000 di dollari di attivi investibili. Nella fascia di età superiore - chi ha tra i 31 e i 39 anni - è benestante chi ha almeno 500.000 dollari di attivi investibili e, infine, è facoltoso chi oltre i 40 anni ha almeno 1 milione di dollari di attivi investibili. Il campione globale dei benestanti intervistati da UBS sulla loro vita post-coronavirus comprendeva 15 paesi: Argentina, Brasile, Cina continentale, Francia, Germania, Hong Kong, Italia, Giappone, Messico, Singapore, Svizzera, Taiwan, Emirati Arabi Uniti, Regno Unito e Stati Uniti. La ricerca è stata condotta nel mese di maggio 2020.

Dalla ricerca emerge che il 75% degli investitori facoltosi a livello mondiale ritiene che la pandemia abbia trasformato profondamente il modo di vivere delle persone a seguito del COVID-19.

Stando a UBS gli investitori benestanti stanno già pensando di rivedere il proprio stile di vita in seguito alla pandemia sotto molteplici aspetti:

- 7 investitori su 10 in futuro ridurranno viaggi e spostamenti verso i luoghi di lavoro

- La metà ha intenzione di stabilirsi in prossimità della famiglia

- Il 46% potrebbe rinunciare a vivere in città, optando per delle zone meno popolate

- Per l’88% la massima priorità è il mantenersi in buona salute

Il 67% degli investitori sostiene inoltre che la pandemia ha inciso sulla percezione della propria situazione finanziaria:

- Il 56% teme di non aver sufficienti risparmi nel caso in cui si verificasse un’altra pandemia

- Il 58% si preoccupa di dover lavorare più a lungo per compensare minori introiti contributivi pensionistici

- Il 60% teme di diventare un peso economico per la famiglia, in caso di malattia

- Il 54% si preoccupa di non lasciare sufficienti risorse finanziarie per le generazioni future

Da una prospettiva regionale, gli investitori dell’America Latina risultano i più propensi nel prefigurare un mondo che cambia in modo permanente a seguito del COVID-19, seguiti dagli investitori statunitensi.

Stati Uniti

Mentre gli Stati Uniti sono ancora impegnati nella fase di contenimento della pandemia, l’82% degli investitori a stelle e strisce prevede un cambiamento duraturo del proprio stile di vita tradizionale, un dato superiore alla media globale pari al 75%. Tuttavia, solo il 22% afferma di aver subito ripercussioni significative a causa della pandemia – una quota inferiore rispetto alla media globale del 25%.

America Latina

Gli effetti della pandemia sono percepiti in misura maggiore dagli investitori dell’America Latina, sia sul versante finanziario che in termini di stile di vita. Ciononostante, gli stessi risultano anche i più propensi a scorgere un aspetto positivo nella volatilità dei mercati connessa al COVID-19. Infatti, l’84% di loro percepisce la volatilità dei mercati come un’opportunità di investimento, rispetto a una media globale del 79%.

Europa

L’impatto della pandemia sugli investitori europei è stato essenzialmente in linea rispetto alla media globale. L’unico dato in controtendenza risulta essere collegato al loro orientamento a favore degli investimenti a impatto sociale. Il 42% dei millennial europei ha infatti aumentato il proprio sostegno economico a familiari e amici, a fronte del 34% degli omologhi su scala globale.

Svizzera

Il COVID-19 ha avuto minori ripercussioni sugli investitori svizzeri. Solamente il 56% intravede un mutamento permanente del proprio stile di vita, rispetto a una media globale del 75%; il 68% sostiene che continueranno i timori legati agli effetti della pandemia, a fronte di una media globale pari all’81%. Infine, solo l’11% afferma di essere stato notevolmente penalizzato sul versante finanziario.

Asia-Pacifico

Il 71% degli investitori in questa regione prevede cambiamenti durevoli a causa del virus, 4 punti percentuali in meno rispetto alla media globale. Tuttavia, tra di essi l’89% desidera ricevere più assistenza del solito da parte del consulente finanziario di riferimento durante la pandemia stessa, a fronte di una media globale dell’83%.


  

AVVERTENZE:  Le informazioni pubblicate a fini di approfondimento, analisi e giornalistiche sono informazioni di proprietà e/o confidenziali e non possono essere divulgate ad altri in nessun modo o condivise senza il preventivo consenso scritto di SoldiExpert SCF. Quanto pubblicato è stato predisposta sulla base di dati elaborati e da informazioni pubblicamente disponibili o da altre fonti di terze parti. SoldiExpert SCF non può garantirne l’accuratezza, la completezza e l’affidabilità dei dati e delle informazioni contenuti e declina ogni responsabilità a riguardo. I contenuti si riferiscono alla data in cui sono stati redatti, indipendentemente dal momento in cui il destinatario o l’utente può ricevere o accedere alle informazioni ivi presenti. I contenuti possono essere soggetti, in qualsiasi momento, a modifica senza obbligo di preavviso. Quanto pubblicato in forma scritta, audio o video non va inteso mai come ricerca, raccomandazione, offerta, consulenza o consiglio di investimento ovvero come sollecitazione all’acquisto o vendita di specifici strumenti finanziari e in particolare nessuna parte di questo o di altri documenti o presentazioni da noi forniti potrà essere considerata come una “consulenza adeguata”. Eventuali consulenze limitate relative ai servizi professionali da noi fornite saranno ulteriormente discusse e negoziate al fine di concordare linee guida d’investimento formali che saranno incluse nei termini contrattuali scritti tra le parti. Qualsiasi proiezione, prospettiva di mercato o stima contenuta nel presente documento riveste carattere meramente previsionale, si fonda su determinati presupposti e potrebbe non prendere in considerazione tutti i possibili fattori rilevanti. Non vi è alcuna garanzia che tali proiezioni, prospettive o stime si realizzino effettivamente. Il valore dell’investimento può variare sia al rialzo che al ribasso. I dati forniti si riferiscono agli anni o mesi precedenti e le performance del passato non sono da ritenersi indicative per una performance futura. Il canale SoldiExpert LAB è un supplemento digitale alla testata online MoneyReport (registrata al Tribunale di Milano numero 652 del 26 novembre 2001). Direttore responsabile Salvatore Gaziano.  

Become a patron to

202
Unlock 202 exclusive posts
Listen anywhere
Connect via private message